Una lettera allo spazio, dove l’essenza della semplicità converge con lo straordinario.

Questa collezione intraprende un viaggio oltre il simbolismo abbracciando volumi liberati dai vincoli delle forme convenzionali. Illuminato dallo splendore della seta di bambù, un letto luminoso funge da punto focale, coronato da volumi irregolari, sinuosi e opachi che trascendono i confini dei contorni predefiniti, forgiando nuovi schemi ritmici. Centrale nell’etica della collezione “Lettera” è l’aspirazione a creare un elemento che si integri perfettamente nell’ambiente abitativo, intriso di carattere e risonanza poetica. Annodate a mano con lana neozelandese da 100 nodi, ampie pietre opache si librano delicatamente sulla superficie, avvicinandosi, ritirandosi e intrecciandosi senza sforzo.